MASTER IN THERAPEUTIC COMMUNICATION

Molti dei problemi che incontriamo nella pratica professionale derivano da una cattiva comunicazione. Predisposizione, tempo e mancanza di formazione sono spesso alla radice del problema. Imparando a comunicare in modo efficace, possiamo impedire l'escalation dei problemi, e rendere la nostra vita e il nostro lavoro migliori. Gli studi condotti negli ultimi tre decenni mostrano che la capacità degli operatori sanitari di lavorare in gruppo, spiegare, ascoltare ed empatizzare può avere un profondo effetto sugli esiti di salute biologica e funzionale, nonché sulla soddisfazione del paziente e sull'esperienza di cura.
Medico e paziente

PERCHE' LA COMUNICAZIONE E' VITALE PER LA PROFESSIONE MEDICA

1. Si stima un terzo degli adulti con malattia confermata abbia sottoutilizzato i farmaci prescritti a causa di problemi di costi, incomprensioni o sfiducia; tuttavia, non riescono a comunicare queste informazioni al medico.

2. Meno della metà dei pazienti ricoverati potrebbe identificare i propri farmaci, diagnosi, o i nomi dei propri medici/infermieri alla dimissione, indice di una comunicazione inefficace con i propri terapeuti.

​ 

3. Un medico può condurre fino a 150.000 colloqui con i pazienti durante una carriera tipica. Se considerata come una procedura sanitaria, il colloquio con il paziente è la procedura più utilizzata dal medico. Tuttavia, la formazione sulla comunicazione per i medici e altri professionisti sanitari storicamente ha ricevuto molta meno attenzione durante il processo di formazione rispetto ad altri compiti clinici.

4. La maggior parte delle decisioni diagnostiche deriva dalla componente anamnestica dell'intervista. Tuttavia, gli studi sulle visite medico-paziente rivelano che ai pazienti spesso non viene fornito l'opportunità o il tempo per raccontare la loro storia, spesso a causa di interruzioni e interferenze che compromettono l'accuratezza diagnostica. Storie incomplete portano a dati incompleti su cui vengono prese le decisioni cliniche. Quando l’operatore sanitario si distrae o non presta attenzione, il paziente può concludere che ciò che sta dicendo non è importante e così può essere reticente a offrire informazioni aggiuntive.

 5. L'aderenza è definita come la misura in cui il comportamento di un paziente corrisponde alle raccomandazioni concordate da un operatore sanitario. Certamente, siamo tutti consapevoli dell'enorme problema della non aderenza all'assistenza sanitaria. Ad esempio, un sondaggio sulla qualità dell'assistenza sanitaria condotto dal fondo del Commonwealth ha rilevato che il 25% dei pazienti dichiara di non aver seguito il consiglio del proprio medico e fornisce i motivi citati in questo sondaggio:

 

- Il 35% non era d'accordo con ciò che il medico voleva fare (in termini di trattamento raccomandato),

- il 21% era preoccupato per i costi,

- il 19% ha trovato le istruzioni troppo difficili da seguire,

- il 17% che fosse contro le proprie convinzioni personali,

- e il 8% ha riferito di non aver capito cosa avrebbe dovuto fare.

 6. Soddisfazione del paziente. Gli elementi fondamentali che comprendono la soddisfazione del paziente includono:

- Aspettative: fornire al paziente l'opportunità di raccontare la propria storia.

- Comunicazione: la soddisfazione del paziente aumenta quando i membri del team sanitario prendono sul serio il problema, spiegano chiaramente le informazioni, sono d’esempio sia negli atteggiamenti sia nello stile di vita, cercano di comprendere l'esperienza del paziente e forniscono opzioni praticabili.

- Controllo: la soddisfazione del paziente migliora quando i pazienti sono incoraggiati a esprimere le proprie idee, aspettative e desideri.

- Processo decisionale: la soddisfazione del paziente aumenta quando viene riconosciuta l'importanza del suo contesto sociale e mentale tanto quanto il suo stato fisico.

- Tempo impiegato: i tassi di soddisfazione dei pazienti sono migliorati con l'aumentare della durata della visita sanitaria.

- Team clinico: è chiaro che la prima preoccupazione del paziente è il suo medico, ma anche il team per il quale il medico lavora è essenziale.

- Richiami: la soddisfazione del paziente è aumentata, quando il team sanitario avvia richiami con scadenze regolari, sollevando il paziente da questa responsabilità.

- Continuità dell'assistenza: il paziente è soddisfatto quando si sente seguito dall’operatore sanitario.

- Dignità: i pazienti trattati con rispetto e invitati ad essere partecipi nelle loro decisioni sanitarie riportano una maggiore soddisfazione.

 

7. Soddisfazione del team: perché è importante la soddisfazione del team? La comunicazione tra i membri del team sanitario influenza la qualità dei rapporti di lavoro, la soddisfazione sul lavoro ha un profondo impatto sulla sicurezza del paziente.

Quando la comunicazione sui compiti e le responsabilità è fatta bene, le prove della ricerca hanno dimostrato una riduzione del turnover infermieristico e una maggiore soddisfazione sul lavoro, perché facilita una cultura del supporto reciproco.

 

8. Rischio di negligenza. Secondo Huntington e Kuhn, la "causa principale" dei reclami per negligenza è un'interruzione della comunicazione tra medico e paziente. Precedenti ricerche che hanno esaminato le deposizioni dei querelanti hanno rilevato che il 71% dei reclami per negligenza è stato segnalato a causa di un problema di rapporto medico-paziente. Un'ispezione più attenta ha rilevato che la maggior parte dei pazienti litigiosi percepiva il proprio medico come indifferente. Gli stessi ricercatori hanno scoperto che uno su quattro querelanti nei casi di negligenza ha riferito di aver fornito informazioni mediche inadeguate, con il 13% che citava uno scarso ascolto da parte del medico.

TESTIMONIANZE

marco ioppi.jpg

Marco Ioppi
Presidente ordine medici Trento

Nel 2016 l’Ordine ha promosso un percorso sulla comunicazione terapeutica coordinato da Robert Jhonson.

Abbiamo ritenuto che il tema fosse di fondamentale importanza per il medico nella relazione di cura che deve costruire con il paziente. Del resto essere capaci di comunicare e di rapportarsi con il cittadino è una proprietà necessaria per il buon svolgimento della professione tanto che nel 2017 la Federazione Nazionale degli Ordini dei medici stessa l’ha sostenuta promuovendola come FAD.

Secondo il tribunale del malato, in circa 8 casi su 10, i cittadini segnalano poca sensibilità nell’ascolto o poca empatia. D’altro canto, circa 1 medico su 3 ritiene insufficiente o inadeguato il tempo a disposizione per la cura. Con queste premesse e con l’intento di distinguerci, di salvaguardare il sistema sanitario pubblico, che tra l’altro è fattore di sviluppo e di ricchezza e per migliorare il rapporto medico paziente, ci siamo impegnati in un percorso durato un anno con Robert Jhonson, e devo dire che siamo stati felicissimi dell’esperienza e soprattutto dei risultati raggiunti, risultati tangibili e misurabili. Robert con la sua preparazione multidisciplinare, con la sua umanità ed umiltà ha saputo aiutarci ad interpretare i mutamenti attraverso visioni nuove e coraggiose, ma soprattutto ha saputo valorizzare la natura intellettuale della professione medica.

In qualità di presidente dell’ordine sono soddisfatto di aver saputo cogliere questa opportunità e di aver potuto avvalermi di un professionista del vaglio di Robert Jhonson al quale va la mia gratitudine per quanto ha saputo trasmetterci ed insegnarci.